La popolare piattaforma di trading di margine Bitcoin BitMEX richiederà a tutti i suoi utenti di passare attraverso un processo obbligatorio di KYC (Know Your Customer) nei prossimi sei mesi.

Lo scambio di derivati Bitcoin ha sorpreso oggi i suoi utenti chiedendo loro di conformarsi ad una procedura di verifica obbligatoria dell’ID.

Il processo, della durata di 6 mesi, continuerà fino al 12 febbraio 2021. BitMEX inizierà questo ‚Programma di verifica degli utenti‘ il 28 agosto alle 00:00 UTC.

BitMEX chiede agli utenti di ‚KYC‘

In un post pubblicato oggi sul blog, l’importante piattaforma di trading di Bitcoin Profit e criptocurrency futures ha annunciato un processo KYC obbligatorio della durata di 6 mesi. Secondo BitMEX, questo aiuterà la borsa a stabilire un „ambiente di trading più affidabile e sicuro“ per tutti gli utenti.

I trader dovranno conformarsi fornendo i dettagli KYC comunemente richiesti. Questi includeranno un documento d’identità con foto, una prova di indirizzo e un selfie (come foto). Successivamente, ci saranno „alcune domande a scelta multipla“. Queste domande richiederanno agli utenti di dichiarare la fonte dei loro fondi e l’esperienza complessiva di trading.

La borsa di negoziazione dei margini Bitcoin aggiunge che sarà un processo breve e richiederà solo cinque minuti per essere completato. Sostenendo la necessità di mettere in atto un tale sistema, la borsa ha affermato che si tratta di un passo importante verso il rispetto degli standard normativi globali e l’aumento della legittimità dell’ecosistema della cripto-valuta.

Inoltre, il processo KYC salvaguarderebbe gli utenti in caso di „controversia, hackeraggio o inabilitazione“.

Questa mossa è una risposta alla famigerata fuga di email dell’anno scorso?

Sembra che BitMEX stia cercando di fare ammenda introducendo il processo KYC. Lo scambio ha avuto la sua giusta dose di controversie da quando ha iniziato ad operare, e la più notevole è stata la fuga di email l’anno scorso.

Come riportato da CryptoPotato, quasi tutti gli utenti della piattaforma di trading dei futures sono stati colpiti a causa dell’hackeraggio. Ma BitMEX ha assicurato ai trader che non sono trapelate informazioni diverse dagli indirizzi e-mail. Lo scambio è andato avanti e ha consigliato agli utenti di avere l’autenticazione a due fattori attivata in ogni momento.

Tuttavia, l’attivazione di un processo KYC implica che BitMEX non vuole lasciare nulla di intentato. La verifica dell’utente permetterà allo scambio di avere una conoscenza approfondita della sua base utenti. Inoltre, potrebbe sfruttare i dati disponibili per lavorare con le forze dell’ordine per intercettare il riciclaggio di denaro e altri crimini finanziari.